L'educazione è il momento che decide se noi amiamo abbastanza il mondo da assumercene la responsabilità e salvarlo così dalla rovina, che è inevitabile senza il rinnovamento, senza l'arrivo di esseri nuovi, di giovani. Nell'educazione si decide anche se noi amiamo tanto i nostri figli da non estrometterli dal nostro mondo lasciandoli in balìa di se stessi, tanto da non strappargli di mano la loro occasione d'intraprendere qualcosa di nuovo, qualcosa d'imprevedibile per noi; e prepararli invece al compito di rinnovare un mondo che sarà comune a tutti.

 Hannah Arendt

Il Centro “Antonino Caponnetto” nasce nell’aprile del 2009 da un’idea della III Circoscrizione Picone – Poggiofranco di Bari con il sostegno dell’Agenzia per la lotta non repressiva alla criminalità organizzata del Comune di Bari. 

 

Esso nasce innanzitutto dal bisogno di creare “memoria” delle tante e diverse esperienze di educazione alla legalità e alla nonviolenza che nel territorio barese, ad iniziare dalla terza Circoscrizione, sono state vissute negli ultimi anni.

 

La legalità, in quanto patto sociale e culturale regolato da norme condivise, non puó esaurirsi infatti semplicemente nel “fare progetti” ma deve necessariamente far maturare relazioni e condivisione, costruendo allo stesso tempo la “memoria storica” di una comunità. Costruire una memoria attorno a qualcosa di specifico significa riuscire a sviluppare uno sguardo piú lungimirante, piú complesso, piú sostenibile rispetto al presente; significa cioè, comprendere e contenere un’idea di futuro.

 

Questo primo Centro a Bari di Documentazione per la legalità e la non violenza vuole avere una funzione importante nel contribuire a dare corpo e anima ad un’idea di raccolta, catalogazione, messa a disposizione, consulenza e progettazione condivisa di quanto piú significativo la Circoscrizione e la città di Bari ha saputo e saprà esprimere nel campo della legalità, della nonviolenza e della responsabilità civica.

 

Ma soprattutto potrà avere, con il contributo di ciascuno, un ruolo significativo nel creare momenti e percorsi di educazione e pedagogia del cambiamento, convinti che la legalità conviene… a tutti.

“ La mafia teme più la scuola della giustizia, l’istruzione taglia l’erba sotto i piedi della cultura mafiosa”.

Antonino Caponnetto, Una lezione sulla Legalità, Vigevano, 14 aprile 1994

Il Centro raccoglie materiali prodotti in diversi formati (cartaceo, video, audio, ecc…) risultati dei progetti realizzati dalle scuole, dalle associazioni, dalle parrocchie del territorio: questo lo rende un luogo in cui costruire memoria collettiva e allo stesso tempo guardare al futuro  sviluppando idee, progetti, percorsi di educazione alla legalità, alla giustizia e alla nonviolenza  in rete con  scuole, associazioni, parrocchie e tutti quei cittadini, baresi e stranieri, che hanno passione e voglia di migliorare, ogni giorno, l’esistente. La memoria collettiva e la messa in rete delle esperienze, così come la loro condivisione, diventano elementi essenziali  per costruire percorsi virtuosi di animazione sociale e per promuovere un forte senso di cittadinanza attiva, di progettazione partecipata, di appartenenza sana ad una comunità.

 

Nel quarto anno di attività il Centro Caponnetto intende privilegiare il confronto con le scuole per un impegno comune nel realizzare attività di promozione della  partecipazione attiva dei ragazzi alla vita culturale e politica del territorio approfondendo tematiche afferenti alla memoria, alla conoscenza dei principi di legalità, dei Diritti Umani, della Costituzione della Repubblica Italiana, dei fenomeni criminali e  mafiosi, alle pratiche di democrazia, di affermazione dei principi di legalità.  

 


a chi ci rivolgiamo

Chi può rivolgersi al Centro e a chi è rivolto il Centro?

  • Ogni cittadino e ogni cittadina italiani e stranieri
  • Scuole
  • Parrocchie
  • Terzo Settore
  • Volontariato
  • Università e Centri di ricerca

attività e servizi

l Centro si sviluppa attraverso la realizzazione di:

  • biblioteca
  • videoteca
  • emeroteca
  • sito web
  • servizio segreteria e consulenza
  • laboratori e percorsi di formazione

 

I servizi del Centro:

  • Servizio di assistenza agli utenti per la consultazione dei diversi archivi compresi quelli messi a disposizione dall’Osservatorio per la legalità  e per la Sicurezza di Bari;
  • Ricerca bibliografica e videografica, servizio di consulenza per la composizione di programmi e “percorsi” per la utilizzazione didattica dei materiali posseduti;
  • Collegamenti con esperienze, studiosi e altri Centri/Istituti di documentazione e di iniziativa culturale operanti nel territorio cittadino, regionale e nazionale;
  • Supporto organizzativo e consulenza agli utenti per la consultazione e/o l’acquisizione di documenti e materiali reperibili presso altri Centri e agenzie di documentazione;
  • Diffusione informazioni su principali e più significative manifestazioni, eventi/campi di formazione, spettacoli e quant’altro  sui temi della legalità e della nonviolenza in Italia;
  • Organizzazione di incontri, seminari, laboratori e formazione.